Ho esaminato le classifiche di sicurezza e l’accessibilità per determinare la nostra lista delle migliori città da visitare, per le donne che amano viaggiare da sole. Tre anni fa, mi sono seduta sulla sedia di legno nel retro della cucina di un piccolo ristorante a Randi Bjellands in Norvegia, in attesa.. di qualcosa che nemmeno io sapevo. Un signore entrò e si sedette, senza che io me ne accorgessi. Emerse rapidamente dalla stanza sul retro e mi salutò in Norvegese, con un piatto di cibo in mano. Non parlo, né capisco, il Norvegese, e non saprei dire se ha capito che anche io avevo fame o che altro. Pensava che fossi seduta li in attesa che un compagno di viaggio si unisse a me, probabilmente. Non si rendeva conto che i miei piedi erano doloranti per le sinuose strade di San Francisco del quartiere Nordnes, a Bergen, cercando di trovare Bjellands Kjøkken (la cucina dei Bjellands) prima che chiudesse.

Iniziamo il viaggio con Stylebest? Andiamo.. Quando sono entrata per la prima volta, tutto quello che mi ha detto in inglese stentato è stato – Hai fame? Vuoi pesce? – Io avevo annuito senza fare nessun altra domanda e mi sono seduta. Dopo 15 minuti di attesa nella parte posteriore, è apparso di fronte a me con un piatto pieno di merluzzo malconcio e purè di patate, con il sorriso più sincero sul suo viso. Anche se non siamo riusciti a portare avanti una conversazione, la sua espressione diceva tutto. Voleva impressionare l’unica turista del posto, con quel poco che sapeva fare, la sua cucina. La bellezza del viaggio da solista è la capacità di immergersi nella comunità e di imbattersi organicamente in questi momenti di connessione internazionale, sono cose uniche. Ma come donna, le paure – a volte innate – sulle cose più stupide possono trasformarsi in qualcosa di reale, specialmente in un ambiente sconosciuto.

Mentre la destinazione che scegli dovrebbe essere in un posto che hai sempre desiderato vedere, ce ne sono altri che sono migliori per qualità di vita e modo di essere vissuti, anche da una donna che viaggia da sola. Ho fatto una lista dei posti in cui mi sono sentita più sicura nel viaggiare sola, ed ora andrò ad elencarli.

Barcellona, Spagna

Barcellona è una città estremamente percorribile, e difficilmente ti perderai finché avrai una mappa di qualche tipo. In città, puoi fare shopping nelle vetrine lungo Las Ramblas, passeggiare lungo la passerella della spiaggia, o passeggiare nel Park Güell, progettato da Gaudi. E le opzioni gastronomiche sono perfette anche per chi viaggia da solo: si può mangiare all’aperto nei ristoranti paella sul lungomare (il guardare la gente è un fantastico modo di intrattenersi) o optare per delle tapas nei tanti bar della città.

Seattle, USA

Grazie all’onnipresenza della cultura dei cafè di Seattle, una cena solista (o una bevuta) è comune a Seattle. Inoltre, la profilazione dei cafè significa che c’è un punto di ristoro dietro ogni angolo tra le visite al Pike Place Market, allo Space Needle o al funky EMP Museum. Il centro cittadino compatto permette di fare zig-zag tra le attrazioni turistiche, ristoranti e negozi a piedi. Tutto ciò che è leggermente più lontano è accessibile tramite ferrovia e facile da raggiungere.

Monaco, Germania

La mentalità allegra Tedesca brilla in questa città bavarese, dove in ciascuna delle mie visite, i locali hanno accolto i turisti con un sorriso, sia che si trattasse di un piccolo panificio o della torre Olympiapark. Il modo migliore per immergerti nello stile di vita di Monaco? Prendi una pinta in un biergarten locale o setaccia le corsie dei mercatini di Natale per un glühwein (vin brulè caldo). Dal momento che una tazza richiede un deposito, i Tedeschi si aggirano intorno allo stand, bevendo e pronti a chiacchierare (o dare consigli), mentre si scaldano con la bevanda tradizionale.

Dubrovnik, Croazia

L’aumento del turismo croato ha migliorato i viaggi ed abbassato il livello di criminalità del paese. Bastò uno sguardo alla città medievale di Dubrovnik, affacciata sull’oceano, preservata da 6.365 piedi da mura incontaminate, e tutte le mie preoccupazioni svanirono. Le strade di ciottoli mi hanno guidata attraverso negozi artigianali e locali, mentre una passeggiata lungo il muro offriva spettacolari vedute a volo d’uccello della costa adriatica. Altre belle attività da solista: c’è una spiaggia a pochi minuti dal centro storico, con un sacco di escursioni da fare in kayak e snorkeling.

Austin, Texas

La cultura del festival di Austin rende davvero facile essere trascinati in più direzioni in questo luogo. Ma è anche un ottimo modo per incontrare nuove persone. Appena arrivata, mi sono diretta verso uno dei tanti parcheggi per camioncini di venditori di cibo davanti a cui mettersi in fila mangiare ciambelle di Gourdough, o qualche hot dog appena sfornato. Il giorno dopo, mi sono divertita all’ATX Television Festival ed ai concerti degli X Games di Austin. Quando si necessita un po’ di tranquillità, si può andare in centro per un tour a piedi o trovare un posto per riposare a cielo aperto.

Salisburgo, in Austria

Con il castello di Hohensalzburg in cima alla collina e il fiume Salzach che attraversa la città, il fascino della città natale di Mozart è invitante ed affascinante. Dopo aver ricreato The Sound of Music, visitando i giardini Mirabell e l’abbazia di Nonnberg, rilassati con un caffè sulla terrazza del Cafe Tomaselli o con una pinta nel giardino all’aperto di 1.400 posti del più grande biergarten austriaco, Augustiner Bräu – Ho trascorso ore ad osservare la gente in entrambi. I motociclisti dovrebbero prendere nota: mentre l’intera città è percorribile a piedi, Salisburgo è anche la città più adatta ai ciclisti del paese, con 106 chilometri di percorsi, il che significa che puoi vedere molto più in un giorno.

Taipei, Taiwan

La capitale di Taiwan è un mix ideale di storia e modernità: da una parte, la gente ama i suoi tradizionali mercati notturni (il luogo perfetto per fare spuntini mentre si acquistano accessori e souvenir) e templi, dall’altra parte ci sono edifici super-tecnologici e centri commerciali. Taipei ha il trambusto di una grande metropoli asiatica, ma il crimine è basso nel paese, grazie alle importanti innovazioni che sono state fatte negli ultimi anni.

Saba, Caraibi

L’isola di cinque chilometri quadrati di proprietà dei Paesi Bassi si trova a soli 15 minuti di volo da St. Maarten. A poche ore dal mio arrivo, la fitta rete di immersioni ed escursionismo mi ha fatto sentire come a casa. Anche se ho paura dei pesci (seriamente), mi hanno convinto a provare le immersioni subacquee, e sono così felice di averlo fatto. L’isola caraibica olandese ha le acque più trasparenti che ho mai visto in vita mia, dove ho avvistato tartarughe e banchi di pesci tra le barriere intatte. Un altro punto saliente: mi sono sfidata a scalare una vetta di 2.877 piedi, il monte Scenery, così chiamata per le viste mozzafiato.

Melbourne, Australia

La metropoli australiana continua a detenere la corona come la città più vivibile, secondo l’Economist Intelligent Unit. Si puo’ visitare la città in un tram turistico gratuito che raggiunge i principali luoghi di interesse, tra cui la Melbourne Observation Wheel, i Carlton Gardens e Federation Square. Melbourne ha la semplicità e la sicurezza più grande che una donna che viaggia da sola può trovare in giro per il mondo.

Stoccolma, Svezia

Dopo essermi unita a due tour a piedi gratuiti a Stoccolma ed avere alloggiato nella camera singola con letti singoli di Artsy, era chiaro che questa elegante città svedese ha il dono di attrarre viaggiatori singoli, soprattutto donne. Le strade acciottolate del centro storico, o Gamla Stan, con caffetterie, ristoranti, negozi e persino un castello, mi hanno regalato ore di avventure senza fine, mentre le aree moderne che la circondano sono facili da navigare attraverso le sue stazioni della metropolitana, che raddoppiano come mostre d’arte. Altro da dire su questo luogo? Ah, si. Dovete provare le polpette svedesi, ad ogni costo.

Okinawa, Giappone

Per un assaggio del Giappone senza la travolgente frenesia di questa terra, recati a Naha, la capitale delle isole di Okinawa. La monorotaia è super accessibile e collega l’aeroporto al centro città ed al famoso castello di Shuri. A pochi passi dal centro città si trovano la spiaggia della città di Naminoue, il quartiere delle ceramiche di Tsuboya e il mercato pubblico di Makishi, dove ogni locale è perfetto per cene solitarie. Infine, l’ospitalità giapponese qua viene mescolata con l’influenza americana – dovuta alla base militare americana della zona – fornisce familiarità tra l’estraneità dell’isola asiatica.

Washington DC.

La dimensione gestibile e la facile disposizione della capitale della nazione la rendono un ottimo luogo per un viaggio in solitaria. Tra l’esplorazione degli iconici memoriali lungo il National Mall, dai un occhiata agli esposti nei 17 musei Smithsonian (oltre allo zoo!), Tutti con ingresso gratuito. Ci sono 91 stazioni della metropolitana a DC, rendendo accessibili le aree della città più nascoste e favorendo l’esplorazione in ogni suo angolo. E se il trasporto pubblico non ti porta a destinazione, prenota Uber: D.C. è stata una delle prime città di Uber e non ho mai cancellato una corsa, tanto mi sono piaciuti gli autisti.

Berkshire, Massachusetts

Fuggi nel santuario di questo centro all-inclusive di 300 acri, nascosto tra le montagne del Berkshire, tra la foresta e il tranquillo lago Mahkeenac. In questo luogo il vero obiettivo è la scoperta di sé stessi, sia attraverso escursioni guidate in kayak, passeggiate attraverso il labirinto della meditazione, o escursioni solitarie nei boschi. I programmi strutturati lo rendono un facile rifugio per chi viaggia per la prima volta, o per chi cerca qualcosa di nuovo. Durante il mio fine settimana estivo, mi sono trovata con un’altra viaggiatrice in una camera doppia, con la quale è nato un bel rapporto di amicizia.

Londra, Inghilterra

Per il fascino europeo senza avere uno shock culturale o barriere linguistiche, rilassati nella capitale britannica, trascorrendo giornate lungo il Tamigi, attraversando i 4,5 ettari dei grandi magazzini Harrods e facendo spuntini nel Borough Market, vecchio di 1.000 anni. E di notte, prendi posto al bar accanto ai locali, nei pub o guarda uno spettacolo nel West End, condito da uno spuntino a tarda notte nella vicina Chinatown. Le infinite attrazioni e i divertimenti sono facilmente collegati tramite le 250 miglia della metropolitana di Londra. Durante la mia ultima visita in solitaria, sono stata nella fantasia di Notting Hill, con una stanza fantastica ed una vista mozzafiato.

Islanda

Durante il mio viaggio tra cascate e ghiacciai all’estremità meridionale della tangenziale islandese, era comune passare mezz’ora senza vedere un altro umano nel vasto paesaggio. Ma quando qualcuno appariva, era spesso una donna che viaggiava con lo zaino in spalla o un ciclista che viaggiava da solo con miglia solitarie che lo avvolgevano in ogni direzione. E non c’è da meravigliarsi: l’Islanda ha conquistato il primo posto come destinazione solitaria per donne in tantissime riviste e mi sento di consigliarla in ogni modo.

Leave a Response